Esperti di reparto
Simone
Simone
Chiara
Chiara
Marcello
Paolo
Pagina
Avvisami quando torna disponibile
Disponibile
629,00 €
Disponibile
3.620,00 €
Disponibile
110,00 €
Disponibile
460,00 €
Disponibile
2.920,00 €
Avvisami quando torna disponibile
Disponibile
430,00 €
Disponibile
211,00 €
Disponibile
91,00 €
Disponibile
5.060,00 €
Disponibile
157,00 €
Disponibile
369,00 €
Eastman Andreas
ETS650 SAX TENORE BB
Disponibile
2.991,00 €
Disponibile
310,00 €
Disponibile
99,00 €
Disponibile
892,00 €
Disponibile
799,00 €
Disponibile
70,00 €
Avvisami quando torna disponibile
Disponibile
2.629,00 €
Disponibile
396,00 €
Disponibile
690,00 €
Disponibile
25,00 €
Disponibile
3.380,00 €
Disponibile
867,00 €
Disponibile
350,00 €
Disponibile
852,00 €
Disponibile
556,00 €
Disponibile
6.799,00 €
Pagina
Esperti di reparto
Simone
Simone
Chiara
Chiara
Marcello
Paolo

Legni

I legni sono tra gli strumenti più antichi e appartengono alla famiglia degli strumenti musicali “aerofoni”, cioè a fiato. Ciò significa che è l’aria stessa a vibrare, producendo il suono. L’aria può vibrare liberamente, oppure all’interno dello strumento: su questa distinzione è basata la classificazione in aerofoni liberi o aerofoni risonanti.

Il nome “legni” deriva dal materiale con cui erano prodotti in origine, il legno appunto, anche se per alcuni di essi si utilizzavano a volte osso e avorio. Oggi però alcuni legni vengono costruiti con metallo e plastica: il sassofono, ad esempio, è fatto quasi interamente di metallo.

 

L’imboccatura ad ancia

E allora che cosa differenzia i legni dagli ottoni? Il tipo di imboccatura: gli ottoni hanno un’imboccatura a bocchino, mentre l’imboccatura dei legni è costituita da un foro oppure da un’ancia, ossia da una linguetta mobile che vibrando trasmette le onde dalla bocca alla colonna d’aria che si trova all’interno dello strumento.

L’ancia può essere:

  • semplice, se è fatta da una sola linguetta che vibra contro un foro fisso
  • doppia, se è costituita da due linguette che battono una contro l’altra.

 

Note gravi e acute con i legni

Le proporzioni della colonna d’aria sono determinate dallo stato (aperto o chiuso) dei fori presenti sul legno: l’esecutore apre o chiude i fori in base alla nota che vuole riprodurre. Chiudendo tutti i fori, si ottiene il suono più grave riproducibile dallo strumento. Aprendoli man mano, il legno suona note più acute perché si accorcia la colonna d’aria all’interno del tubo.

 

Quali legni scegliere

Nella famiglia dei legni rientrano flauti traversi, ottavini, clarinetti, sassofoni, oboi e fagotti: i loro prezzi sono molto variabili, in base al materiale e alla qualità.

  • Si parte dalle poche centinaia di euro dei legni pensati per i principianti
  • passando per strumenti da 1000-2000 euro dedicati ai musicisti intermedi
  • fino ad arrivare ad alcune migliaia di euro per gli strumenti professionali

 

Vorresti comprare un’armonica, o magari imparare a suonare la cornamusa? Sei nella sezione giusta: anch’esse, per le loro caratteristiche, sono considerate legni.

Massima cura per il tuo strumento

Solo i prodotti migliori e le attenzioni più premurose

Assistenza

I nostri assistenti specializzati ti guideranno per la scelta migliore

Riparazioni strumenti

Massima cura e professionalità dedicata per un suono sempre al top

Reso immediato

Il tuo nuovo strumento musicale non ti soddifa? Cambialo o effettua un reso!