Sanificazione degli strumenti a fiato ai tempi del Covid-19

Le garanzie di sicurezza di uno strumento a fiato su dampi.it

Probabilmente stai leggendo questo articolo perché suoni uno strumento a fiato o vorresti iniziare a suonarne uno. Magari eri intenzionato ad acquistare finalmente il bocchino o l'accessorio che da un pò stavi osservando sul nostro sito web. Ci sarebbe forse un'altra ipotesi: volevi passare a trovarci presso il nostro store di Via Ghislandi in Bergamo per acquistare il tuo strumento professionale a fiato o magari ripararlo.

Qualsiasi sia stato il motivo che ti ha spinto a cliccare su questo articolo, oggi ti spiegherò perchè l'acquisto sia su dampi.it che presso il nostro store di via Ghislandi, rimane una sicurezza per quanto riguarda la sanificazione degli strumenti a fiato ai tempi del Covid-19. 

Iniziamo subito con il dire che in realtà abbiamo da sempre adottato delle linee aziendali molto severe al riguardo, avendo soprattutto con gli strumenti a fiato una lunga esperienza di vendita.

E' da sempre infatti che:

  • sensibilizziamo i nostri clienti sul fatto che mai nessuno strumento è personale come quello a fiato, pertanto, al fine di evitare qualsiasi rischio di contaminazione, è sconsigliato prendere lo strumento di qualcun altro e non lasciare che qualcuno tocchi il bocchino, la legatura, le ance o che addirittura soffi nel suo strumento, quantomeno senza aver fatto prima un'adeguata sanificazione
  • selezioniamo soltanto fornitori che adottano protocolli rigidi non solo per quanto riguarda la sanificazione dei propri ambienti di lavoro ma anche tutta l'adeguata normativa in tema di sicurezza sul posto di lavoro
  • sanifichiamo strumenti e accessori prima di ogni vendita o prima di ogni prova

ma ovviamente in tempi di Corona Virus abbiamo necessariamente dovuto fare uno sforzo maggiore. 

Sanificazione degli ambienti e degli strumenti a fiato 

Abbiamo acquistato la strumentazione necessaria per aumentare il livello di sicurezza richiesto dal periodo, effettuiamo quindi sostanzialmente 3 tipi di sanificazioni:

  • dei locali
  • parte esterna degli strumenti
  • parte interna degli strumenti

La sanificazione degli ambienti viene effettuata con macchine Sanifog con dentro liquido igienizzante conforme alla direttiva CEE 65/548/CEE e con presidio medico chirurgico del Ministero della Sanità n°16628. Da sottolineare che il prodotto non è pericoloso e non compromette l'estetica o la funzionalità degli strumenti musicali. 

sanifog macchina sanificazione ambienti

La sanificazione esterna degli strumenti musicali viene effettuata sia con la procedura precedentemente descritta che tramite apparecchi con luce ultravioletta. La combinazione di questi due trattamenti distrugge il cromosone di DNA e RNA dei batteri e dei virus in 3 minuti. Batteri e virus verranno eliminati o perderanno la capacità riproduttiva. Tale procedura ha anche funzioni di ossidazione e degradazione per formaldeide e altre sostanze nocive. 

La sanificazione interna degli strumenti musicali viene effettuata sempre con speciali apparecchi a luce ultravioletta che effettuano la stessa procedura indicata nel punto precedente ma che riescono ad entrare nelle parti più interne non solo degli strumenti ma anche degli accessori: bocchini etc.

 

 

Garanzie igieniche sull'acquisto di Ance e accessori

A tal proposito riportiamo il comunicato stampa ufficiale diffuso dalla nota azienda Vandoren e nostro fornitore commerciale. 

Esiste il rischio di contrarre il virus utilizzando una nuova ancia Vandoren?

Alla Vandoren abbiamo rafforzato le misure sanitarie raccomandate e necessarie per proteggere totalmente i nostri dipendenti. Inoltre, è passato molto tempo da quando si utilizzavano le mani per la produzione e l’impacchettamento delle ance. Le uniche manipolazioni manuali delle ance vengono eseguite su campioni per il controllo qualità e risposta musicale. Terminati i controlli queste ance vengono sistematicamente distrutte e utilizzate insieme al resto della canna rimasta dalla lavorazione come combustibile da riscaldamento nella nostra caldaia. Quindi non vengono mai a contatto degli operatori e infine confezionate nel flow-pack che garantisce la massima protezione fino a quando l’ancia non arriva nelle vostre mani per essere utilizzata.

Esiste il rischio di contrarre il virus acquistando un nuovo bocchino Vandoren?

Sebbene la produzione dei bocchini sia estremamente automatizzata, la rifinitura e il controllo finale sono eseguiti a mano. Oltre alle misure di protezione che vengono applicate drasticamente nella nostra fabbrica come l'uso obbligatorio di mascherine, l'uso di guanti e tutte le altre misure di protezione applicate dall'inizio della pandemia, gli scienziati concordano sul fatto che la carica virale di covid-19 diventa troppo debole e quindi non contaminante dopo 72 ore. Nel nostro stabilimento, una volta che i bocchini sono stati puliti e confezionati vengono immagazzinati e seguendo la filiera distributiva passano diverse settimane prima che siano venduti e utilizzati.

Come pulire un bocchino per clarinetto / sassofono ad uso personale?

Per una corretta e completa pulizia dei becchi occorrono i seguenti prodotti:

- Acqua corrente fredda

- Sapone liquido o saponetta meglio se neutro

- Tazzina di aceto bianco

- Piccola tazza di olio da cucina

- Spazzolino da denti con setole morbide, meglio se usato.

- Tessuto usa e getta o cotone (non usare asciugamani da cucina perché troppo aggressivi)

- Guanti monouso (nitrile, lattice o vinile) e occhiali protettivi, solo se la disinfezione è prevista in un secondo momento

- Nastro adesivo e grasso di sughero nel caso del bocchino per clarinetto

Procedura: Lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone Indossare guanti e occhiali se la disinfezione è prevista in un secondo momento. Rimuovere eventuali pastiglie proteggi becco, se necessario usando uno strumento usa e getta e non molto aggressivo come una vecchia ancia o uno stecchino, quindi gettare tutto in un sacchetto nel cestino chiuso. 

Per un bocchino per clarinetto, avvolgi il sughero con del nastro adesivo (per non bagnarlo) piegando il nastro su se stesso alla sua estremità per facilitare la rimozione in seguito. 

Nel lavandino adagiate uno straccio che diventerà bagnato ma tratterrà il becco qual ora vi dovesse scivolare dalle mani. Inumidire il becco sotto l'acqua fredda, dentro e fuori Inumidire i guanti con acqua fredda e sapone senza risciacquare Insaponare a lungo l'interno e l'esterno del becco con i guanti.

Strofinare l'interno e l'esterno con lo spazzolino da denti senza forzare in alcun modo.

Sciacquare il bocchino con acqua corrente fredda Se all’interno sono presenti depositi di calcare, immergi lo spazzolino in una tazza di aceto bianco (massimo 1 minuto) e strofina delicatamente le parti interessate.

Ripetere l'operazione più volte se necessario. Se ci sono tracce di colla immergi lo spazzolino in un po’di olio da cucina e strofina delicatamente le parti interessate. Insapona di nuovo il bocchino, i guanti e lo spazzolino da denti, risciacqua assicurandoti di rimuovere ogni traccia di olio e sapone dal becco. Asciugare i guanti e asciugare il becco con tessuti usa e getta che si gettano in un bidone chiuso.

Per un bocchino per clarinetto, rimuovere il nastro adesivo (e ingrassare il tappo se non è stata pianificata la disinfezione più approfondita in un secondo momento)

ATTENZIONE Non utilizzare mai acqua calda su un bocchino in ebanite poiché ciò potrebbe causare scolorimento. Per lo stesso motivo, non mettere mai il bocchino di ebanite in lavastoviglie

ATTENZIONE Non è consigliabile immergere un bocchino di ebanite per più di 1 minuto nell'aceto bianco per evitare lo scolorimento

ATTENZIONE Per rimuovere tracce di colla dei cuscinetti salva bocchino quando vengono rimossi, non è consigliabile utilizzare un solvente come acetone o acetato di etile, in particolare sull'inserto di un bocchino in metallo che potrebbe non sopportarlo. Non mescolare mai solventi, incluso alcool, con candeggina. Rischio di formazione di gas tossici.

Commenti utenti
  • Ortrud Bitz
    Ortrud Bitz ha scritto il

    Salve, sono docente di flauto alla SMIM di Riva d/G nonché vostra cliente. La mia domanda riguarda proprio la sanificazione di flauti e sassofoni. Sono i due strumenti a fiato insegnati nella nostra scuola. Mi rivolgo a voi non avendo ancora ricevuto alcuna indicazione né da parte del Ministero dell'istruzione né da parte della Sovrintendenza scolastica della Provincia di Trento. Dopo gli esami di ammissione di gennaio verso marzo/aprile di quest'anno si sarebbe dovuto svolgere il cosiddetto "giro degli strumenti" per poter assegnare lo strumento più adatto ai singoli alunni. Causa chiusura scuole, ovviamente, ciò non è avvenuto. Noi colleghi di strumento musicale ci stiamo chiedendo se sarà il caso di effettuare tale "giro" a settembre (naturalmente intanto aspettiamo eventuali direttive in proposito). Se ciò fosse possibile avrei la seguente domanda: E' fattibile sanificare con sicurezza un flauto traverso senza Sanifog né apparecchio a luce ultravioletta (che la scuola non possiede)? Semmai, come? Normalmente usiamo delle salviettine disinfettanti per la boccola e la testata. In tempo di Covid-19, ovviamente, ciò non è sufficiente. Sarebbe possibile, eventualmente, immergere la testata in una soluzione disinfettante e pulire corpo, piede e chiavi con una salvietta disinfettante? Chiedo scusa se mi rivolgo a voi ma di questi tempi, purtroppo, non saprei dove trovare informazioni attendibili a tal riguardo. Ringrazio anticipatamente, prof.ssa Ortrud Bitz

    Rispondi
  • iniziali
    Ivan ha scritto il

    Nel ringraziarla per l'interesse rivolto verso il nostro articolo. L'unico consiglio che possiamo darle è che noi prima della sanificazione fatta con metodo Sanifog, utilizzavamo l'alcol per la disinfezione degli strumenti musicali.

    Rispondi
  • SERENA
    SERENA ha scritto il

    Buonasera, grazie mille per le spiegazioni che avete indicato precedentemente. Vi disturbo per chiedere un informazione..è possibile sanificare al 100% (sicurezza anticovid) un clarinetto e un flauto traverso traverso in modo da passarlo da un bimbo ad un'altro? Grazie mille

    Rispondi
scrivi un commento