0

Prezzi Chitarre Gibson

Vuoi suonare uno strumento che nel corso degli anni ha accresciuto la sua fama sino a diventare un mito? La risposta è nelle chitarre Gibson che hanno raccontato, attraverso le loro note, la migliore storia della musica. In questo articolo approfondiremo brevemente la storia della chitarra Gibson e ti daremo alcuni consigli sui prezzi dei modelli attualmente disponibili.

La chitarra Gibson Les Paul prende il nome da Lester William Polfus – secondo la rivista statunitense Rolling Stone - uno dei più grandi chitarristi di tutti i tempi.

Nel 1940 procurò dei tagli alla sua chitarra Ephiphone: divise il corpo in tre parti, le prime due in corrispondenza delle buche e l’ultima, quella centrale, ricoperta con legno di pino al quale agganciò viti e lamine di metallo.

Lo scopo fu di dare alla parte centrale della chitarra un eccellente sostegno per i pickup realizzati dallo stesso Les Paul. Il risultato fu grandioso perché ne trasse giovamento la risposta timbrica.

Già negli anni Quaranta Les Paul provò a proporre la propria creazione alla Gibson, ma in un primo momento la leggendaria chitarra non venne accettata. Fu solo nel 1952, a seguito di un ricambio ai vertici amministrativi dell'azienda e di una svolta nelle politiche di comunicazione e innovazione, che il prototipo venne preso in considerazione e messo in produzione, dando origine alla prima Gibson Les Paul vera e propria, la GoldTop, una vera e propria pietra miliare nella storia della chitarra Gibson.

La struttura della chitarra è originale. Ha bordi di triplo filo bianco-nero, intarsi in madreperla e uno scasso per l’impianto elettrico sul retro. La cassa, generalmente in mogano (preferito all’acero utilizzato nelle prime produzioni) è spessa (attorno ai 44-45 centimetri). Il manico, per favorire l’efficace trasmissione delle vibrazioni, è saldamente incollato al corpo. E’ realizzato in mogano, ma anche acero e noce, mentre le tastiere sono di ebano o palissandro (con l’eccezione di alcuni modelli che sono in acero).

Con l’evoluzione dei pickup, per eliminare i fastidiosi ronzii rilevati nelle prime produzioni, la Gibson utilizza pick-up humbucker a due bobine. Di chitarre Gibson ce ne sono diversi tipi, ma il fiore all’occhiello della casa è la Classic, che ha un manico più sottile di quella tradizionale, legni di qualità per il top e la cassa e i pickup in ceramica.

Ora che conosci quasi tutto della mitica Gibson è il momento di scegliere il modello che più ti soddisfa. I prezzi di una chitarra Gibson possono variare da poche decine di euro ad alcune migliaia per i modelli più prestigiosi. Ecco alcuni esempi di chitarre divise per caratteristiche e prezzi.

Come prezzo iniziale è interessante la LES PAUL SPECIAL II VINTAGE SUNBURST. Con un peso di 3,6 chili è molto confortevole per le lunghe sessioni live. Il manico in mogano è unito alla cassa della chitarra elettrica con quattro bulloni da incasso (metodo Bolt-on). Il prezzo di entrata è di circa 140 euro.

Proponiamo anche la LES PAUL 100 VINTAGE SUNBURST CH DWE, chitarra Gibson perfetta per chi cerca qualità, affidabilità ed estetica a un prezzo competitivo. Il timbro è dato da due pickup Humbucker Alnico V: un 700T a bobina aperta posizionato al ponte e un 650R a bobina aperta più vicino al manico. Essi offrono un suono potente, corposo e avvolgente perfetto per il rock&roll e il blues, il metal e l’hard rock. Il prezzo è di 220 euro (uguale anche per i modelli Heritage Cherryburst Ch Hd, Ebony Cd Hdwe).

Poi c’è il modello top, quello dei sogni e adeguato per grandi musicisti o per chi lo vuole diventare. Ecco la JOE BONAMASSA TOMATO SOUPBURST in grado di regalare un suono leggendario. Gibson ha prodotto, in serie limitatissima di solamente 50 esemplari al mondo (quella che vi proponiamo è la numero 43) , una Les Paul che rispecchia fedelmente le caratteristiche di quella usata dal musicista statunitense. Lui stesso ha collaborato per la realizzazione di questo prezioso strumento dal gusto squisitamente primi anni '60. Il prezzo di questa chitarra Gibson è elevato: 4700 euro. Per un’opera d’arte.

scrivi un commento