0

Come scegliere una chitarra acustica?

Nella grande varietà di marche e di modelli esistenti, scegliere una chitarra acustica può essere oggi piuttosto complesso. Quali sono i criteri di qualità da considerare? Come capire le differenze tra una chitarra di buona costruzione e una di poco valore? Ecco la guida Dampi con alcuni consigli su come scegliere una chitarra acustica, validi soprattutto per principianti.

Step #1: impara a conoscere le differenze nella cassa armonica

Per scegliere una chitarra acustica è importante avere una conoscenza almeno preliminare delle differenze tra le diverse tipologie esistenti. I principali tipi di chitarra acustica si distinguono per la forma della cassa armonica, con tre modelli principali:

  1. Standard: in questo modello la cassa armonica ha la tipica forma a 8 con la parte inferiore solo leggermente più bombata rispetto alla parte superiore, come mostrato nella foto (una chitarra Eko NXT Parlor Natural). Queste chitarre acustiche hanno un suono più sbilanciato sugli acuti, e sono quindi ideali per ruoli di solista.


 

  1. Dreadnought: le Dreadnought vennero introdotte nei primi anni del secolo scorso dalla Martin, una delle compagnie storiche del settore. Si caratterizzano per le dimensioni massicce, con la parte inferiore della cassa armonica più bombata. Questa struttura regala un suono più scuro e corposo, con bassi vibranti e in maggiore evidenza. Nella foto, una Fender CD60 Black.
     


 

  1. Jumbo: le Jumbo sono ancora più voluminose ed estremizzano la bombatura della parte inferiore della cassa armonica. Di conseguenza hanno un suono simile a quello delle Dreadnought, con bassi pieni e risonanti, ideali per ruoli di accompagnamento. Nella foto, una smagliante Epiphone EJ-200® ARTIST.
     


 

 

Adesso che abbiamo fatto un po’ di chiarezza sulle principali tipologie, vediamo più nel dettaglio come scegliere una chitarra acustica.

Step #2: analisi del manico

Tradizionalmente, la chitarra acustica si distingue dalla classica per le corde metalliche, più potenti e risonanti ma anche più difficili da suonare. Nello scegliere una chitarra acustica è quindi importantissimo valutarne la comodità, poiché è più facile stancarsi con questo strumento. L’elemento più importante in questo senso è il manico: prima di tutto devi provarlo, imbracciando la chitarra da seduto e assicurandoti che il manico ti stia comodamente tra le mani e non ti costringa a movimenti innaturali.

La fattura del manico può anche rivelare se la qualità generale della chitarra è buona o mediocre: controlla che i fret dei tastini (le sottili strisce metalliche che tagliano il manico trasversalmente) non sporgano dalla tastiera, creando piccole gobbette. E fai un check anche dell’action delle corde (la distanza tra le corde e il manico) che non deve essere troppo alta: tendenzialmente, meno di mezzo centimetro a fondo manico.

 

 

Scala lunga o scala corta? Un altro elemento del manico che devi conoscere per scegliere una chitarra acustica, è la differenza tra scala corta e scala lunga. Il primo termine indica che il manico sporge dal corpo della chitarra di 12 tasti, mentre con scala lunga si intende una sporgenza di 14 tasti. La differenza si riflette nella tensione delle corde: la scala corta è associata a corde meno tese, quindi più facili da suonare ma anche meno risonanti, mentre nella scala lunga le corde sono più tese e più dure da suonare, ma regalano un suono più chiaro e netto.

Step #3: verifica della qualità costruttiva

Una volta controllato il manico, è il momento di passare in rassegna la cassa armonica e la qualità generale della chitarra. Dai qualche piccolo colpo sul retro della cassa per verificarne la risonanza, e assicurati con attenzione che non ci siano spacchi o scollature nel legno e tra le varie parti della chitarra. Prova a effettuare questo controllo su diverse chitarre, in modo da percepire le differenze e valutarle in modo più completo e oggettivo.

Step #4: ascolto del suono

La qualità più importante di una chitarra acustica è il suo suono. Soppesare questo aspetto è forse il compito più difficile, perché la valutazione unisce aspetti soggettivi e oggettivi che hanno uguale peso nella scelta definitiva. Il segreto, anche in questo caso, è provare strumenti diversi e sentire come ogni chitarra generi un suono differente: in alcuni modelli sarà più sordo e chiuso, in altri più vibrante e ricco di sfumature. Prediligi gli strumenti con questo secondo tipo di sonorità nello scegliere la tua chitarra acustica, e tra questi cerca quello con il suono che ti piace di più, e che è più adatto allo stile in cui vuoi specializzarti.

 

 

Siamo arrivati alla fine della nostra guida su come scegliere una chitarra acustica. Per farti un’idea di tutti i modelli in commercio e delle tipologie più richieste, prova a farti un giro nella categoria dedicata alle chitarre acustiche. Buona navigazione!

 

scrivi un commento