0

Come pulire i piatti della batteria: i consigli di Dampi

Ogni batterista si trova, presto o tardi, nella situazione di dover pulire i piatti della propria batteria per restituire loro la brillantezza e il lustro originario. Pulire i piatti della batteria, comunque, non è solamente una questione estetica: la corretta manutenzione di questi strumenti garantisce infatti che il loro suono resti squillante e pulito.

La pulizia dei piatti della batteria viene resa necessaria da un fenomeno, del tutto naturale, che col tempo rovina la superficie degli strumenti: si tratta dell’ossidazione, un processo spontaneo che avviene nei metalli a contatto con l’aria e che provoca lo scurimento del loro strato superficiale. A questo processo, inoltre, si aggiungono lo sporco e la polvere che gradualmente si accumulano sul metallo. Pulire i piatti della batteria consente di rimuovere sia lo strato di sporco che la superficie metallica ossidata.

 

 

Come pulire i piatti della batteria?

Per ottenere i migliori risultati ti consigliamo di seguire un procedimento che si articola in tre step:

  1. Pulizia preliminare: per prima cosa immergi i piatti della batteria in acqua tiepida con uno sgrassatore. Il calore dell’acqua e il prodotto sgrassante serviranno per rimuovere i grumi di sporco e le incrostazioni di grasso più voluminose, facilitando la fase successiva della pulizia ed evitando graffi quando andremo a sfregare i piatti, più avanti. Al termine di questa fase assicurati quindi che non ci siano particelle o piccoli grumi che possano in seguito graffiare il metallo.
     
  2. Pulizia di fino: togli i piatti della batteria dall’acqua e stendili su un supporto e asciugali per bene. A questo punto puoi applicare un prodotto specifico per la pulizia direttamente sui piatti oppure su spugnette non abrasive o spazzole morbide. Ti consigliamo di usare i prodotti appositi per pulire i piatti della batteria, o per lo meno prodotti specifici per la lucidatura di bronzo o rame. Utilizza le spugnette o le spazzole per sfregare la superficie del piatto, andando gradualmente a rimuovere le macchie e le impurità che vi si sono depositate: laddove lo sporco è maggiore, sfrega con più energia, cercando sempre di seguire la direzione delle scanalature del piatto. Ripeti più volte nelle aree particolarmente sporche. Per le scanalature delle scritte presenti sui piatti, puoi utilizzare dei cotton fioc.
     
  3. Risciacquo: dopo la pulizia di fino, procurati dei panni morbidi e imbevili in acqua, quindi passali delicatamente sui piatti della batteria rimuovendo tutti i residui di sporco e del prodotto utilizzato per la pulizia. Ripeti l’operazione più volte con panni sempre puliti, sfregando con forza laddove necessario, finché la superficie del piatto non raggiunge la lucidità desiderata. Infine, asciuga il piatto con un altro panno morbido.

     

A questo punto il procedimento per pulire i piatti della batteria è terminato. Per mantenere i risultati nel tempo, ti consigliamo di maneggiare sempre i piatti con appositi guanti, in modo da proteggerli dal sudore e dallo sporco delle mani. Inoltre, l’acquisto di piatti della batteria di marchi professionali rappresenta sicuramente la scelta preliminare migliore per materiali di qualità che durano nel tempo: scopri alcuni dei migliori piatti per batterie sullo store Dampi!

 

scrivi un commento